La ciclista lo vedeva arrivare in senso inverso quasi tutte le mattine; doveva farci attenzione perché occupava una buona parte della ciclabile. Lui guidava la bici: dietro, al traino, un carrellino con due bambine sempre sorridenti e una terza seduta alle sue spalle sul portapacchi.