Storni

Bellissime le evoluzioni degli stormi di uccelli nel cielo al tramonto, pensò la ciclista, impensierita dall’idea di doverci passare sotto.

Rosso di sera

La ciclista pedalava veloce perché il cielo grigio minacciava pioggia. In quel momento un raggio di sole del tramonto filtrò tra le nuvole, accendendo di rosso le cime degli alberi ancora spogli.

Piccioni.

I piccioni di Roma non volano più – pensò la ciclista quando realizzò di averne spiumato uno con la ruota della bicicletta.

Piccoli trasporti.

La ciclista lo vedeva arrivare in senso inverso quasi tutte le mattine; doveva farci attenzione perché occupava una buona parte della ciclabile. Lui guidava la bici: dietro, al traino, un carrellino con due bambine sempre sorridenti e una terza seduta alle sue spalle...

Biciclette

La ciclista girava per la città in un giorno di festa. C’era poco traffico e notò subito la macchina con le biciclette sul tetto. Si avvicinò: l’automobile era una Panda; la biciclette erano una Cannondale e una Scott. Ciclisti – pensò – le...

Il cane

La signora aveva un bel cane bianco, un pastore maremmano. Passandogli accanto la ciclista notò che era grande più o meno quanto la sua bicicletta. La padrona lo faceva passeggiare al lato della pista ciclabile e lo seguiva comodamente, tenendolo al guinzaglio dalla...